COME CALCOLARE IL PREZZO DI VENDITA DI UN PRODOTTO ARTIGIANALE SE HAI UN NEGOZIO SU ETSY (+ scaricabile)

AGGIORNATO IN APRILE 2022

Preparati perché questo è un post un po’ lungo e tecnico. Alla fine però sarai ferratissima in materia di prezzi e commissioni del tuo negozio Etsy. Per premiare la tua pazienza e attenzione, ho preparato anche un foglio di calcolo da scaricare per aiutarti a considerare tutti i fattori in gioco ma sopratutto anche tutte le commissioni che Etsy ti addebierà, in modo che tu possa calcolare il prezzo a cui vendere i tuoi prodotti senza rimetterci più nemmeno 1€.

SE VUOI IL BLOG TE LO LEGGO IO ⬇️

QUANTO È DIFFICILE DARE UN PREZZO ALLE TUE CREAZIONI: 

Una delle note dolenti quando inizi a fare sul serio con la tua attività on-line (che sia su Etsy ma anche altrove) è calcolare il prezzo a cui vendere i tuoi prodotti. I rischi sono diversi: 

  • Non valorizzare abbastanza le tue competenze
    • non credi che valga la pena di valorizzare la nuova tecnica appena imparata e che ti permette di dare quel tocco in più al tuo prodotto.
    • sottovaluti la cura che ci metti a rifinire e creare i dettagli del tuo prodotto
  • Non considerare la tua unicità
    • le tue idee, la tua manualità, la tua passione, la tua esperienza renderanno la tua creazione unica, seppur riprodotta in serie l’idea di quel particolare resterà sempre tua!
  • Calcolare il prezzo in base alla concorrenza
    • se, pur di vendere fai il tuo prezzo al ribasso rispetto a una tua concorrente, il tuo guadagno sarà certamente inferiore alle tue aspettative. Inoltre questo non farà che sporcare il mercato e alimentare il gioco al ribasso che prima o poi ti si ritorcerà contro.
  • Dimenticare alcune voci che determinano il prezzo
    • all’inizio anche a me succedeva: quando mi mettevo a ragionare sui prezzi regolarmente dimenticavo questa o quella voce di costo

ELEMENTI DA CONSIDERARE PER CALCOLARE IL PREZZO:

  • Materiali: ovviamente rappresentano la prima voce di costo. Qui mi sento di ricordarti che, se i materiali che usi sono di qualità (come di certo saranno), NON SCONTARE NIETE, anzi, costruisci la tua comunicaizone in modo da rendere questo un tuo punto di forza!
  • Ore di lavoro: cerca di capire più precisamente possibile quanto ci metti a creare il tuo prodotto.
  • Tuo costo orario: qui considera che se resti chiusa fuori casa il falegname, per venire ad aprirti la porta, di chiede 100/150€, se ti si allaga il bagno perché perde la lavatrice l’idraulico, solo di chiamata, vuole minimo 30€, sai bene potrei andare avanti per ore 😂… tu vorrai pagarti almeno 30/35€ l’ora?? Eh daiii!!
  • Costi aggiuntivi: sono quelli che di solito scappano, ma tu di fatto li sostieni sempre (elettricità, benzina, affitto laboratorio…). Per questa voce cerca di quantificare una cifra almeno a forfait. 
  • Imballaggio: quanto ti costa la scatolina, la velina (o pluriball per protezione), il nastro, il biglietto di ringraziamento, il tuo biglietto da visita, i chiudipacco ecc…)
  • Spese accessorie: tutto quello che non hai considerato prima (ad esempio i costi di sdoganamento merce se acquisti materia prima all’estero)
  • Tuo margine di profitto: questa è la parte che ti resta in tasca dopo tutto il lavoro e pagati i costi.

COMMISSIONI ETSY: 

A questo punto arriviamo ai costi che Etsy ti addebita per darti uno spazio sulla sua piattaforma e  gestire le transazioni. Qui, tra Etsy e PayPal balla circa un 8% che, se non fai attenzione, ti bruci di guadagno! 

Vediamo nel dettalgio ogni voce di costo:

Etsy fa 3 macro distinzioni sulla tipologia di commissioni:

  • COMMISSIONI DI GESTIONE DEL PAGAMENTO
  • COMMISSIONI SULLA TRANSAZIONE
  • COMMISSIONI PER L’INSERZIONE

Commissioni di gestione del pagamento:

  • Per l’Italia ammontano al 4% del prezzo del tuo prodotto compresi i costi di spedizione + 0,30€ quota fissa
  • Vengono detratte alla fonte prima cioè di liquidarti e accreditare i proventi della vendita sul tuo “conto dei pagamenti”

Commissioni sulla transazione: ecco, questi sono i costi oggetto dell’aumento : dal 11 apriel 2022 passerano da 5% a 6,5%

  • Ammontano al 3,5% del prezzo del tuo prodotto (senza conteggiare le spese di spedizione) + iva
    • AGG. LUGLIO 2018: da Luglio 2018 la percentuale delle commissioni di Etsy è passata al 5% e viene calcolata sia sul prodotto sia sulle spese di spedizione.
    • AGG: APRILE 2022: a partire dall’ 11 Aprile Etsy aumenterà ancora di un 1,5% le commissioni che arriveranno così a un totale di 6,5%.

Commissioni sull’inserzione:

  • 0,20€ (0,17€ + iva) per ogni inserzione che crei o rinnovi (e che dura per 4 mesi) .

Commissione operativa regolamentare

  • Un costo aggiunto di recente da Etsy che ammonta a 0,25% del prezzo di vendita.

Poi ci sono i costi di sponsorizzazione ma questi vanno valutati a parte perché variano in base

  • al tipo di programma scelto per sponsorizzare
  • al fatturato dell’anno precedente 
  • se sono attivi opppure no.

SPESE DI SPEDIZIONE: 

Calcola bene quanto ti costa la spedizione. Prepara una vera e propria spedizione di prova e pesala, misurala e verifica quanto ti costa con il corriere che hai deciso di utilizzare..

OOOK, RESPIRA!! Ho finito! Se sei arrivata fin qui vuol dire che hai davvero intenzione di fare sul serio!! BRAVISSIMA 💪🏼 !

Comunque è molto più facile a farsi che a dirsi: è lunga da spiegare ma il riassunto di tutto quello che ti ho spiegato sopra è in questo foglio di calcolo che puoi scaricare e usare quante volte vuoi.
L’ho anche aggiornato alla nuova percentuale del 6,5%.
Ho creato il foglio in modo che le uniche voci di costo che tu dovrai inserire siano quelle che conosci bene e indicare quanto vuoi guadagnare. Tutti i conti, comprese le commissioni Etsy, sono già compresi nel calcolo. Compila solo le caselle colorare e avrai subito il prezzo del tuo prodotto. Se poi vuoi “aggiustare” qualcosa modifica pure tutto quello che vuoi, il prezzo verrà calcolato in automatico in conseguenza alle tue modifiche, figo no?

Buon lavoro, e mi raccomando, fammi sapere se ti è stato utile!

Se vuoi rileggere più tardi questo articolo puoi pinnarlo 📌 nella tua bachcecha di Pinterest in cui conservi tutte le info utili (ne hai una veroooo 😉?). Scegli la grafica che ti piace di più ⬆️.

P.s. Questo post è stato scritto per la prima volta il 18 gennaio 2018 ma è uno di quei post che tengo costantemente aggiornati. Ecco perché trovi tutto la cronistoria di quel che è successo 😉!

You Might Also Like

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: